Sito aggiornato al 11 01 2015 11:08


Commento al Vangelo

12. Jul. 2014 - 12:53     15^ domenica del T.O.
XV domenica del T.O. La parabola del seminatore. Eppure viene in mente un proverbio catastrofico, ma quanto mai attualizzato da tanti di noi : “Chi semina vento, raccoglie tempesta” cioè chi sparge fandonie, chi semina odio, chi pianta infamia e genera discordie, alla fine la tempesta si abbatterà su di lui. Il libro della Sapienza ancor meglio specifica: “ Dice il Signore: se accoglierai le mie parole e custodirai i miei precetti…comprenderai il timore del Signore e troverai la conoscenza di Dio…La riflessione ti custodirà e la prudenza veglierà su di te...” Come si è subito compreso tutto ruota attorno non alla parola seminata dal Signore, che ha il suo intrinseco valore, ma il bersaglio è l’uomo che l’accoglie o la rifiuta. Il profeta Isaia ci ha ricordato che la Parola di Dio scesa come pioggia, feconda la terra e a Dio non ritornerà senza effetto; ma qual è questo effetto? E’ la crisi che essa genera nel cuore dell’uomo, del perverso per avviarlo alla conversione, del giusto per riconoscere che tutto è grazia di Dio. Dio parla a ciascuno di noi, come se fosse solo con ognuno, e ad ognuno ha qualcosa da dire, di conforto, di incoraggiamento, di rimprovero, di sferzata. Gesù con la parabola del seminatore insiste nel far cadere la responsabilità della fruttuosità della sua parola su chi ascolta: E’ già una irriverenza ascoltare ma non mettere in pratica, ma ancor più grave è l’indifferenza, il far finta di ascoltare, l’ipocrisia. Ed è ipocrisia credere di pregare moltiplicando le parole, è meschino l’atteggiamento orante solo nel bisogno, forse questo è il biglietto inviatoci del Signore che ci chiama in “udienza”. E quando capita cosa succede? Parliamo sempre noi, novene, rosari, giaculatorie, ecc… e diventa poi blasfemo il ricorrere a fattucchieri e maghi. Dio vorrebbe parlarci, seminare in un terreno fertile la sua parola, e Lui parla, siamo noi sordi alla sua parola, perché ci mette in crisi, ci inquieta, vuole distoglierci dalle nostre gozzoviglie di ogni genere. Ma se tu,cristiano, vai in crisi sta tranquillo Dio è con te. Siamo di fronte non al silenzio di Dio, ma alla sordità dell’uomo.

««« ««  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | [...]  »» »»»

admin - Ma.Se.

Arcidiocesi Palermo

 

Avvisi

    Login
  • orario sante messe estive: vedi prospetto centrale

    30 06 2017 14:17

Link

1 utente online