Sito aggiornato al 11 01 2015 11:08


Commento al Vangelo

27. Apr. 2013 - 12:49     V domenica di Pasqua
"Ecco, io faccio nuove tutte le cose" abbiamo ascoltato dal libro dell'Apocalisse e Gesù nel Vangelo dice di lasciarci un comandamento nuovo. L'incarnazione del Verbo di Dio nella storia dell'uomo, il suo annichilirsi fino alla morte e la sua resurrezione, tutto ciò è nuova creazione, è cancellare le cose di prima, ormai passate, è vivere una vita nuova perché basata sull'amore reciproco nuovo, come Gesù ci ha amati, fino alla fine. Nessuno disperi della misericordia di Dio, nessuno disperi di essere ricreato da Dio: Gli Apostoli, Paolo di Tarso, Maria Maddalena, Agostino di Ippona, Francesco di Assisi, Ignazio di Loyola e innumerevoli altri non ci danno forse un chiaro esempio?. Dio fa nuove tutte le cose, fa nuova la nostra condizione da peccatori in santi. Veramente la sua tenerezza si espande su tutte le creature . Questa stessa tenerezza usiamola anche noi per i fratelli, non guardiamo le cose passate, guardiamo al presente e al futuro della novità  che Dio ci dona: la santità.  

««« ««  [...] | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50  »» »»»

admin - Ma.Se.

Arcidiocesi Palermo

 

Avvisi

    Login

Link

5 utenti online